Mistercarota.com
Ricette di cucina per chi ama cucinare

Pabassinos

Pabassinos
  • Portata: Dolci » Biscotti
  • Categoria: Ricette di Pasqua
  • Pubblicata il: 01/03/2008
  • Regione: Sardegna
  • Click: 10007

Ingredienti

Ecco un'altro dolce tipico Sardo che si usa fare anche nel periodo pasquale, insieme a Casadinas, Biscotti, Cozzulas de piltiddu, Ciambelline.
Esistono, come sempre mille varianti, dipendenti dalla zona di produzione, alcuni usano mettere la sapa, altri marmellata, noci, nocciole, cacao e chi più ne ha più ne metta. Questa è la ricetta di casa mia.

Ecco gli ingredienti, sono dosi per famiglie numerose, io ne ho fatto 1/3 di dose, perché altrimenti ne vengono tantissimi. Si conservano per lungo tempo, se non li si consuma prima.
Ingredienti: 3 kg di farina '00' - 1 kg di zucchero semolato 1 kg di strutto - scorza grattugiata di 3 arance e 2 limoni - 4 bustine di lievito per dolci - 300 gr di uvetta sultanina - 12 uova (8 intere + 4 tuorli) - 300 gr di mandorle - 1 bicchiere di latte - 1 bicchiere di anice

Preparazione

Per prima cosa preparare le mandorle, se le trovate già private della pellicina bene, altrimenti metterle in acqua bollente per alcuni minuti, poi passandole tra pollice ed indice levare la suddetta che verr? via molto agevolmente. Tritarle grossolanamente e metterle a tostare in forno.
Fare la classica fontana con tutti gli ingredienti tranne l'anice ed il latte, nel quale far sciogliere le bustine di lievito.
Accendere il forno a 200°C.
Iniziare ad impastare, usando i liquidi per ammorbidire il tutto.
Ed ecco il nostro impasto pronto, andrà fatto riposare per poco tempo.
A questo punto tirare la sfoglia e tagliare con le formine.
Infornare subito e lasciare cuocere fino a doratura. Far raffreddare.

Nel frattempo preparare una glassa con: 2 albumi - 250 gr di zucchero a velo vanigliato - poco succo di limone - un pizzico di sale
Cospargere i nostri dolci e decorare con confettini colorati.
A questo proposito ci sono due scuole di pensiero, la prima, vale a dire la mia è che si fa asciugare la glassa all'aria, viene opaca. La seconda scuola dice di reinfornare i dolci per breve tempo, viene una glassa molto bella a vedersi e lucida, ma molto delicata, che rimane morbida all'interno. A voi la scelta se avrete la bont? di provarli.

  • Aggiungi questa ricetta alle tue preferite
  • Stampa questa ricetta
  • Invia questa ricetta ad un amico