Mistercarota.com
Ricette di cucina per chi ama cucinare

Il miele il panforte il panpepato

Il miele il panforte il panpepato
- Autore: Claudio Palma
- Le sue ricette
  • Stampa questa storia
  • Invia questa storia ad un amico

Ricette di una volta, ricette di un secolo fa.

W LE API !

Toscana, 1917.
"...mah... oh chissà  quando finirà  codesta guerra!"
"speriamo presto, Berto, dai vieni nella mia bottega che ti fo' assaggiare i dolci col miele"
"Ma tu usi sempre il miele, mai zucchero eh di un po' ?"
" Ora ti racconto una cosa. Il miele fa bene ad un sacco di cose! Altro che zucchero. Quanto te sei malato o hai anche solo un raffreddore perché te magari hai fatto il bischero fino a tardi, beviti una tazza di qualcosa con dentro il miele e vedrai che ti passa! Anche anticamente 4000 anni fa in Egitto si faceva un impasto di pane e miele per poi usarlo nei dolci, eppure il grande medico Ippocrate se ne serviva per i suoi medicamenti. Vieni qui, via, che ti fo' assaggiare il panforte"
"Ehi ma quale quello di Siena?"
"Beh non proprio: questo qui l'ho fatto io, ora ti dico come. Allora. Te devi pigliare 200 gr di mandorle, 100 gr di canditi, 100 gr di nocciole, 25 gr di cacao, 125 gr di zucchero, 125 gr di miele, zucchero a velo, cannella, chiodi di garofano ed un bel po' di ostie.
Bene eccoti ora la preparazione: prima te frantumi le mandorle pelate e le nocciole ugualmente pelate; poi ci metti i canditi ed il miele e mescoli ben bene; e poi mentre che mescoli ci spolveri sopra lo zucchero, il cacao e le spezie; quando te avrai amalgamato il tutto te tu devi foderare con ostie una teglia di piccolo diametro e versaci il composto; ma bada che bisogna pressarlo bene con una lama di coltello bagnata d'acqua; così preparato portalo al forno della piazza oppure anche da me per cuocerlo a forno con calore moderato per mezz'ora" "Oh guarda che questo panforte l'è davvero bono."
"Berto, stai buonino che non ho finito; quando te lo sforni devi lasciarlo freddare poi spolverarlo con lo zucchero a velo. Ecco ora si che il parfortino l'è finito."
"Senti dato che ci sei, oh dimmi come lo fai il Panpepato"
"E va bene, ora te lo dico. Allora ci vuole 300 gr di farina, 100 gr di miele, 200 gr di zucchero, mezzo bicchiere d'acqua, le spezie che ti piacciono e un pochettino di panlievito [pasta gia lievitata o anche lievito di birra, n.d.r.]; te fai bollire il miele con zucchero ed acqua; poi fai raffreddare, mettici la farina, le spezie ed il panlievito [oppure il lievito di birra, n.d.r.]; amalgama ben bene e lascia lì per una notte intera, mettilo in forma e cuocilo in forno bello caldo caldo." "Deve essere bonissimo, perbacco, oh senti ma quest'altre cosuccie qui che robina è?"
" Oh senti, ora te stai un pochettino esagerando... va beh, va beh ora ti dico ma poi te fili via eh? Allora questa l'è una salsa di miele e te ci puoi fare cio che vuoi. Ti serve 200 gr di mandorle tritate, 150 gr di zucchero, 80 gr di miele ed un niente di panna; mescola allora miele zucchero e panna e fai bollire continuando a mescolare; aggiungi le mandorle tritate ed è fatto.
E bada bene che la prossima è l'ultima che ti dico, bene? Sai che rob'è questo? Bravo! E' gelato di miele. Allora ti ci vuole 4 tuorli d'uovo, 3 cucchiai di miele del gusto che vuoi te, un bel bicchiere di latte ed uno di panna da montare; sbatti allora i tuorli finche vedi che siano chiari; poi prendi una casseruola mettici latte e miele e metti sul fuoco ma bada a non farlo bollire; appena sta per bollire ci metti le uova ma, ripeto, non deve bollire senno' te fai la frittata invece che il gelato; mescola bene e senza fermarti, rimetti sul fuoco debole e fai addensare sempre mescolando e senza farlo bollire; poi fai freddare il tutto, mescolaci la panna montata e poi te vien da me che ho la macchina col ghiaccio e sale che te lo fo' gelare.

  • Stampa questa storia
  • Invia questa storia ad un amico