Area iscritti: Ho perso la password | Registrati
 

Home => Ricette => Farinata con il cavolo nero

 
 

 Farinata con il cavolo nero


Farinata con il cavolo nero
• Portata: Contorni » Cavoli, verze, bietole
• Categoria:
• Pubblicata il: 22/06/2005
• Regione: (...nessuna...)
• Click: 4680

• Autore: Ilaria L.
Elenco ricette di Ilaria L.



INGREDIENTI

Ingredienti: 1/2 kg di fagioli borlotti - 1/2 cipolla - sedano - carota - 1/2 bicchiere di conserva di pomodoro [ossia il pomodoro in bottiglia passato e ristretto - n.d.r.] - parte finale di un prosciutto toscano (mi raccomando) - 2 cesti di cavolo nero - farina per polenta.

PREPARAZIONE

Questa ricetta me l'ha insegnata mia nonna, è della tradizione tipica contadina quando, come dice mia nonna Olga, si cucinava con quello che c'era e tutto era ottimo.
Vi spiego bene come la facciamo noi.

Si prendono i fagioli borlotti di quelli secchi (o freschi ma in questo caso si fanno rinvenire ben poco) e si mettono in acqua per circa 8 ore. Quindi possiamo metterli la sera prima.
Il mattino dopo si mettono a cuocere i fagioli in un bel tegame capiente con: molta acqua (serve molta acqua perché la riutilizzeremo nella preparazione), una piccola cipolla, un pezzetto di sedano, un pezzettino di carota (non troppo altrimenti i fagioli prendono un aroma dolciastro), 1/2 bicchiere di conserva di pomodoro e... il pezzo che non deve assolutamente mancare cioè il fondo di un prosciutto toscano salato mi raccomando, guai a voi se usate un prosciutto dolce.
Quando i miei nonni erano giovani esisteva l'arte dell'arrangiarsi ovvero se non c'era il pezzo di prosciutto o era troppo piccolo ci mettevano qualche altra parte saporita del maiale tipo una salsiccia spellata (anche questa dovreste cercarla toscana o romagnola...).
Si fanno cuocere un'oretta, comunque ci si accorge quando sono cotti perché sono abbastanza morbidi.
Adesso dobbiamo pulire il cavolo nero, bene bene, sotto l'acqua e togliendo le costole più dure.
Si mette in acqua e si scotta un po' come si fa con gli spinaci.
Quando è cotto si strizza formando delle palline e si tagliano grossolanamente.
Facciamo in una pentola un soffritto con una piccola cipolla, sedano, carota e olio d'oliva piuttosto abbondante perché, anche se l'ho chiamato soffritto, in realtà non friggono ma cuociono gli odori.
Dopo circa 3 minuti si aggiunge il cavolo e si fa rosolare bene, poi un po' di conserva di pomodoro (se la comprate al supermercato un 1/2 barattolo va bene) e un ramaiolo di acqua di cottura dei fagioli e si fa insaporire tutto.
A parte se prende un ramaiolo di fagioli cotti e si schiacciano con la forchetta, non tanto da ridurli in purea, e si uniscono al cavolo.
Possiamo poi aggiungere anche sale e peperoncino e si fa cuocere per circa 5 minuti e si aggiungono 3 ramaioli di acqua.
Il tutto si deve ben insaporire perché è questo che darà sapore alla farinata.
Si prepara la farina per la polenta e si aggiunge al cavolo tutta l'acqua dei fagioli (se ne aveste troppa ne metterete meno).
Quando bolle si inizia ad aggiungere la farina a pioggia mescolando per non far formare i grumi, deve poi cuocere a fuoco lento per 20 minuti circa, ma sta a voi vedere quando diventa soda e dipende da come la preferite se più o meno liquida.
Se insieme ai fagioli schiacciati ne volete mettere alcuni interi e qualche pezzettino di prosciutto cotto (quello cotto con i fagioli) va benissimo.

Vi chiederete cosa fare del prosciutto e dei fagioli avanzati... condite i fagioli con dell'ottimo olio di oliva e mangiateli con il prosciutto e pane toscano arrostito... un paradiso in terra, dopo vi consiglio una buona camminata perché non vi ho detto che era una ricetta leggera e poco calorica: i contadini ne mangiavano e lavoravano nei campi per tutto il giorno!!!



I Vostri commenti (1 commenti)
Lascia un commento

Per lasciare un commento fai Login alla tua Area Iscritti
se non sei iscritto Registrati